Consolidamento dei Debiti: Cos’è e Come Funziona la Formula per Chi È in Difficoltà

Esistono situazioni debitorie che negli anni sono andate via via peggiorando, condizionando sempre più pesantemente il tenore di vita e di conseguenza la sfera emotiva di un individuo. Se questo è il tuo caso, sappi che grazie al decreto legge n. 212/2011, è stata introdotta la possibilità di raggruppare i debiti contratti verso più banche, estinguendoli attraverso un nuovo finanziamento di consolidamento dei debiti. Quest’ultimo ti garantisce delle rate più leggere rispetto alla somma di quelle contratte in precedenza, ovviamente con un periodo di restituzione più lungo e con tassi d’interesse che adeguati al finanziamento possono risultare convenienti.

Estinzione e liquidità aggiuntiva

Per accedere a questo tipo di prestito, le banche richiedono dei requisiti e delle garanzie di affidabilità creditizia. Qualora siano soddisfatte tali richieste, il finanziamento potrebbe essere concesso addirittura con una liquidità aggiuntiva. Quindi oltre a permetterti l’estinzione dei precedenti debiti, ti consentirebbe di disporre di una somma di denaro da destinare alle esigenze più imminenti. C’è da precisare comunque, che la maggior parte delle banche, stabilisce un limite all’erogazione di liquidità aggiuntiva che solitamente oscilla tra il 10 e il 20% della somma richiesta e ad ogni modo non superiore a 50000 euro.

Requisiti e documentazione

Andiamo a vedere in generale quali sono i requisiti di cui dovrai essere in possesso (almeno per la maggior parte degli istituti) al momento della richiesta:

  • Contratto di lavoro a tempo indeterminato, oppure percepire una pensione o un reddito dimostrabile se sei un lavoratore autonomo;
  • Anzianità lavorativa di almeno 1-2 anni;
  • Età compresa tra i 18 e i 75 anni;
  • Non aver subito pignoramenti e protesti.

Per quanto concerne la documentazione da produrre, come prima cosa dovrai preoccuparti di fare un elenco preciso dei creditori e delle somme a loro ancora dovute, ivi comprese le spese relative ad eventuali penali applicate dovute all’estinzione anticipata. Dovrai inoltre presentare le dichiarazioni dei redditi degli ultimi 3 anni ed un elenco delle somme necessarie al sostentamento della propria persona e della propria famiglia. Se sei un autonomo occorreranno le scritture contabili degli ultimi 3 esercizi oppure gli estratti conto bancari.

consolidamento dei debiti
Consolidamento dei debiti

E se i requisiti fossero insufficienti?

In alcune situazioni di particolare criticità, potrebbero non essere sufficienti le garanzie presentate per accedere al consolidamento. In questi casi puoi avere la possibilità di rivolgerti a terze persone (anche più di una), che possono rendersi garanti attraverso i loro beni o redditi e permetterti quindi di attuare l’accordo con la banca. Spesso le situazioni debitorie, purtroppo, non consentono agli istituti di credito la concessione del mutuo per consolidamento dei debiti perché il cliente giunge a questa richiesta in maniera tardiva. A volte con degli insoluti che si protraggono già da diverso tempo, nei casi peggiori con protesti avviati e già esecutivi. Il consiglio è quello di non arrivare a queste situazioni e non appena hai sentore di non poter far fronte al pagamento delle rate in scadenza, attivarti presso una finanziaria o una banca per la richiesta del consolidamento debiti.

Banche e finanziarie che concedono il consolidamento dei debiti

Basta fare una ricerca veloce su internet e potrai renderti conto che sono molte le banche o finanziarie che offrono mutui per il consolidamento dei debiti, ma ovviamente chiedono delle garanzie. Le condizioni proposte variano da un istituto all’altro, e non è sempre facile muoversi da soli nel vasto panorama finanziario. Può essere utile a volte affidarsi ad un consulente esperto e qualificato che sappia valutare innanzitutto la tua condizione debitoria, successivamente analizzare la tua capacità di sostenere una dato importo per la restituzione e quindi indirizzarti verso la banca o finanziaria che possa fare al tuo caso.

Al finanziamento è possibile associare un’assicurazione, come accade per tutti i mutui le banche propongono delle coperture assicurative, soprattutto quando la durata di questi è a lungo termine 20/30 anni. Non è assolutamente obbligatoria, ma tutelarsi dagli imprevisti è sicuramente utile, il costo può essere saldato in un’unica soluzione, oppure frazionato all’interno di ogni rata. Il suo ammontare può essere incluso nel finanziamento e solitamente si aggira intorno al 5% dell’importo erogato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here