1. Smart City
  2. giovedì 16 aprile 2015
  3. 16 aprile - EXPO 2015: ma poi cosa ci resterà? Lo scooter sharing
Smart City

EXPO 2015: lo scooter sharing, una promessa non mantenuta

Due settimane e ci siamo. Expo apre i battenti.
La corsa per rimediare all'ultimo ritardo prosegue frenetica ma a noi interessa guardare un po' più in là. E capire che cosa resterà DOPO il 31 ottobre 2015. Cioè la "legacy", ovvero l'eredità di questo evento monstre che sta per riempire Milano.
E' la domanda tormentone che Smart City ha rivolto a quasi tutti gli ospiti che si sono succeduti dal maggio dello scorso anno a oggi: "Cosa lascerà Expo a Milano e all'Italia?".
Come la scorsa settimana, vi riproponiamo alcune delle risposte più interessanti.
Risposte che, ascoltate a posteriori, oggi diventano ancora più interessanti.
Partiamo da una promessa che sappiamo già che non sarà mantenuta in tempo, cioè quella degli scooter in sharing. A fine ottobre dello scorso anno l'assessore Maran ci aveva giurato che ce ne sarebbero stati a migliaia, in concorrenza tra loro, elettrici o no, a due oppure a tre ruote. Ma per ora il bando è andato deserto. Ed è istruttivo ascoltare oggi le sue parole e quelle delle quattro aziende interessate a candidarsi.
Ascolteremo Pierfrancesco Maran, assessore Mobilità e Ambiente del Comune di Milano, Alessandro Vincenti, MiMoto, Giangaetano G. Mastrota, Hills&Wheels, Massimiliano Mucchietto, Yamaha Motor Italia, Yigal Halvani, Motit, Fabio Calarco, co-fondatore social street San Gottardo Meda, Cinzia Piloni, docente IED - Istituto Europeo di Design, Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche Sociali del Comune di Milano, Michela Barbuto, biologa, università Milano Bicocca, Gianmaria Cultori, coltivatore diretto, Tiziana Pittia, responsabile marketing GCI - Gallerie Auchan, Andrea Pirisi, ingegnere, fondatore di Underground Power.
Conduce: Marco Gatti