1. domenica 30 aprile 2017
  2. Tempo di Libri: la nuova stagione dell’editoria
Cult, si gira!

Tempo di Libri: la nuova stagione dell’editoria

In principio fu il diverbio, la scissione, il grande scisma nel mondo dell’editoria. La genesi di Tempo di Libriprima edizione della fiera del libro di Milano, è stata agognata e turbolenta, accompagnata da venti polemici che la hanno subito additata come acerrima nemica del trentennale Salone del Libro di Torino. Tutto nasce, in effetti, da una frattura con i grandi editori dell’AIE, Associazione Italiana Editori che si allontana dal Lingotto torinese e assieme a Fiera Milano fonda Fabbrica del Libro, la società da cui nasce Tempo di Libri. Le due manifestazioni, lontane un mese e 145 chilometri, danno vita così ad un inevitabile paragone e ad una concorrenza che solo il tempo saprà rivelare se utile o dannosa. “Cult, si gira” ha tastato il polso di questa prima edizione dal sapore di numero zero, alla ricerca di pareri di autori, pubblico ed editori. Come nel bel mezzo di un giro di prova, di un warm up da Formula 1, Tempo di Libri si è svolta nella Fiera di Milano Rho dal 19 al 23 aprile, coinvolgendo 2000 scrittori, 520 editori e organizzando più di 700 incontri col pubblico.


L’obiettivo degli organizzatori era quello di raggiungere 80 mila visitatori, ma il bilancio, alla fine, parla di poco più di 60 mila accessi. La colpa, a detta di molti, è del periodo infelice della fiera, incastonata tra la Pasqua e il ponte del 25 aprile, con una Milano poco abitata e soprattutto senza studenti, i veri grandi assenti di questa edizione. Tra le note liete, invece, l’organizzazione, la location e la cura nell’allestimento degli stand. Nonostante manchi ancora di una forte identità, Tempo di Libri ha avuto molto seguito anche sul Web, con una copertura in streaming capace di raggiungere 1 milione di visualizzazioni.


Per l’anno prossimo, si parla già di uno slittamento a maggio, il mese che è sempre stato sinonimo di Salone del Libro di Torino. Di certo resta da caprie il senso e l’utilità di questa dicotomia. Una concorrenza stimolante o un’inutile guerra fratricida? Il tempo ci darà la risposta. Ma per ora dedichiamoci ad un altro tempo. Quello dei libri. A cura di Giuseppe Grossi. Servizi di Valentina Valente.


 

Conduce: Giuseppe Grossi