1. lunedì 19 febbraio 2018
  2. Un grande mistero alla Camera di Commercio di Torino
Agnelli Segreti

Un grande mistero alla Camera di Commercio di Torino

A 34 anni dalla costituzione (1984) della "Dicembre società semplice", cioè la società-cassaforte di Giovanni Agnelli che si trova in cima alla piramide del Gruppo (e ha partecipazioni di controllo sull' “Accomandita Giovanni Agnelli & C.", EXOR, FCA e tutte le altre società sottostanti), un mistero continua ad aleggiare: come mai nel Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio di Torino, la Dicembre è stata iscritta solo da pochi anni, e su richiesta di un giornalista, e i dati risultano incompleti poiché la CCIAA non ha accettato le copie dei documenti inviati? Com'è possibile che un organismo ufficiale non richieda tutte le carte, come prevede la legge, ai soci della "Dicembre" e tolleri questa gravissima irregolarità? A tutt'oggi la "Dicembre" nel Registro delle Imprese risulta composta da tre soci: Marella Agnelli (con dieci quote pari a ...10mila lire, cioè 5,16 euro), Gianlugi GabettiCesare Romiti (nonostante abbia lasciato la Dicembre fin dal1989) con una quota ciascuno pari a mille lire, cioè 0.52 euro). In totale quindi con soli 6,20 euro, secondo le carte della Camera di Commercio, viene controllata una società che, grazie ai dividendi delle controllate, distribuisce quote di oltre un miliardo di euro ogni anno ai propri soci (quelli veri: cioè John Elkann e Marella Agnelli, e poi con una quota ciascuno Gianluigi GabettiFranzo e Cristina Grande StevensCesare Ferrero).

Conduce: Gigi Moncalvo