1. giovedì 16 febbraio 2017
  2. Relativamente poveri | Non ci sono più soldi
In evidenza

Relativamente poveri | Non ci sono più soldi

In evidenza

Il numero dei poveri in Italia è in aumento, negli ultimi anni ha segnato un più 141 per cento. La buona notizia è che esistono misure di contrasto, e risorse per realizzarle. I dati che vengono presentati periodicamente per “fotografare il fenomeno” rischiano di essere banalizzati e generalizzati. Percentuali e statistiche su “vecchie e nuove povertà” rischiano di prevalere sulle analisi senza dare un volto e un nome alle singole storie, spesso archiviate sbrigativamente come nuovi poveri in giacca e cravatta in fila alla mensa. Accade lo stesso per le informazioni su giovani, vecchi e migranti.
La povertà e le disuguaglianze sociali in Italia sono in aumento e le statistiche, da sole, non bastano a fotografare il fenomeno. L’ong britannica Oxfam ha calcolato che l'1 per cento più ricco in Italia possiede il 25 per cento della ricchezza nazionale netta mentre l'1 per cento della popolazione mondiale ha accumulato le stesse ricchezze del restante 99 per cento, tema che ha dato il titolo al rapporto Oxfam 2016 (Un'economia per il 99%), presentato alla vigilia del World Economic Forum. Per l’Istat invece basta un’ora di lavoro alla settimana per considerare occupata una persona e quindi la situazione reale è peggiore di come appare nelle percentuali e nei numeri. Di questi temi e non solo parliamo con Pierluigi Dovis, direttore Caritas Diocesana Torino, Francesco Lo Grasso, segreteria UIL Piemonte e Claudio Vanni, responsabile relazione esterne di Unicoop Firenze. Hanno collaborato a questa puntata le giornaliste Valentina Valente e Sara De Carli.

Non perdete l'appuntamento con Non Ci Sono Più Soldi, in onda tutti i giovedì in prima tv a partire dalle ore 9.00 su Reteconomy, canale 512 di Sky ed in streaming sulla pagina Live.

Segui la trasmissione anche sui social con l'#hashtag dedicato #Noncisonopiùsoldi.

Per vedere tutte le puntate di Non ci sono più soldi CLICCA QUI!   


Vai all'archivio